intervista di Laura Fois per L’Universale (ripresa anche da Informazione Libera e da Informare Per Resistere) il 7 novembre 2011. “Questo modello politico non tollera l’intelligenza”. Il poeta spazia dall’arte alla situazione della cultura e della politica in Italia, mettendo due generazioni a confronto…

-.-.-.-.-.-.-.-
intervista radiofonica di Tore Cubeddu in sardu pro Jannaberta. Lastima pro sos ki non bi cumprendhen. Una bella intervista per una bella trasmissione. Mi dispiace per chi non la capisce. Registrata per Radio RAI Sardegna il 13 dicembre 2010.

-.-.-.-.-.-.-.-
video di Christian Mascheroni per Ti racconto un libro: due poeti protagonisti del festival Isola delle Storie di Gavoi: il sardo Alberto Masala e il polacco Tomasz Różycki. Due concezioni della poesia molto differenti: è un fatto privato o voce rappresentativa di una comunità?

-.-.-.-.-.-.-.-
intervista su Argonline sul rapporto in scrittura con la mia lingua madre, il sardo, e con le altre lingue che utilizzo.


-.-.-.-.-.-.-.-
intervista di Elisabetta Marino – “Il poeta è la voce che ha visto le voci” – incontro con Alberto Masala. – In Limine, n°3, Edizioni Nuova Cultura, Roma, 2008, pp. 149-158 – ottobre 2008.

-.-.-.-.-.-.-.-
In questa intervista di Paolo Piras sull’Unione Sarda del febbraio 2007 – mi ha divertito, rileggendolo a distanza di tre anni, il dibattito con una lettrice (tale “una di passaggio, italia”) che, inizialmente, avevo cortesemente preso sul serio…

-.-.-.-.-.-.-.-
Intervista di Dimitri Papanikas del febbraio 2005 in cui per la prima volta emerge il concetto del “condominio della poesia” che oggi è per me un fondamentale punto fermo.

-.-.-.-.-.-.-.-
Intervista online di Davide Bregola: La letteratura italiana ha/a più voci – maggio 2004 sulla letteratura della migrazione.

-.-.-.-.-.-.-.-
intervista di Valentina Mmaka in Migrare… Migrando – Riflessioni a margine del 3° Convegno di Culture e letteratura della Migrazione. Ferrara, 26/28 Marzo 04

 

-.-.-.-.-.-.-.-
Intervista di Franca Rita Porcu per “L”Unione Sarda” del 8 dicembre 2003 – si parla di tre lavori: Proveniamo da estremi, Nella casa del boia, Taliban.

-.-.-.-.-.-.-.-
Le voci della luna ­ – marzo 2002 – intervista a cura di Loredana Magazzeni

-.-.-.-.-.-.-.-

L’Unione Sarda – maggio 1998 – “Il rischio di trasformare le radici in folklore” di Franca Rita Porcu

 

dedicato alla grande dignità di Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi

Dedico a te, Patrizia, al tuo coraggio e alle tue lacrime di dignità, questo testo ispirato dalla Ballata delle madri di Pier Paolo Pasolini (leggetela qui) . S’intitola “Domandati che madri abbiano avuto”. Ricalco la stessa struttura della poesia di Pasolini per riscriverlo, rispondendogli e riattualizzando il canto, e così portarlo ai giorni nostri. Per pudore e riservatezza in tanti anni non avevo mai pubblicato un mio testo poetico su questo blog. Ma l’indignazione e le tue lacrime mi hanno spinto a farlo. Chiedo comprensione…

domandati che madri abbiano avuto

A Pier Paolo Pasolini

In ricordo di Carlo Giuliani, Francesco Lorusso, Giorgiana Masi, Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi …

Quaggiù nell’assenza dei poeti
in queste strade a loro sconosciute
mi sto adattando agli ultimi presagi.
Solo. Finisco i versi. Ascolta il suono…
il grido del nemico nell’orecchio.

Ascolta… guarda…
quando evoca i riflessi di tragedie
non ha colpe lo sguardo…

Quaggiù nell’assenza dei poeti
il potere è vigliacco nella storia.
Poliziotti che corrono sfrenati
senza una pausa, per frenesia infinita.

Che vista hanno negli occhi?
Da dove sono nati? Hanno una madre?
Tu ne cantavi la semplicità.
Dimmi… lo chiedo a te…

La povertà
ne malediva le generazioni, tu
li chiamavi ragazzi
con accorata tenerezza cieca.

La rabbia è la paura di miseria…
È soggezione d’ignoranza…

Cresciuti in spazi stretti
nel nulla imprigionato che si scontra
con le pareti del suo stesso nulla,
costretti in repressioni familiari
di città epilettiche e razziste,
di dottrina dell’ordine e bisogno,
di religione e fanatismo ostile.
La radice cristiana mai estirpata
in loro sta, pietrificata, inerte.

Hanno avuto una madre?

Madri vili…
i volti modellati da un destino
che così può sfamare le apparenze
del giudizio che avanza confortante
e che valuta e impone la misura.

Madri mediocri…
i volti oppressi, addestrati a ubbidire,
a spostare all’indietro le parole,
soffocare l’urgenza di irruzioni
ed espellere i resti dell’amore.

Madri servili…
Volti d’argilla, quando il tempo è un velo
che acceca nella triste assuefazione
la noncuranza per chi è condannato
o sia infettato da un semplice male.

Madri feroci…
Volti domati, schierati sullo sfondo
della scena, tra squilli di fanfare,
che ripetono insulti ad alta voce
e sparano agli estranei, e invocano la legge.

Vili, mediocri, servi… feroci
i loro figli colpiscono altri figli
come orda di bestie
come branco famelico che sbrana
ogni preda isolata.

Quando vanno trionfanti a devastare
saziati dalla loro stessa lingua
livida di fascismo e manganello…
domandati che madri abbiano avuto.

Qui ancora ci illudiamo in ribellioni
bisbigliando la stessa cantilena
con litanie imprudenti, che da anni
cominciamo da capo all’infinito
mentre qualcosa di finale pesa,
risuona e batte sulla città Superba
a cui lavarsi non pulirà le tracce.
Il suo paesaggio ne riascolta il suono
Genova, incancellabile per sempre.

Qui non ho vie di fuga: resto
visibile…   evidente…     differenza…
Ancora non ci siamo allontanati.
Il mio scrivere si getta sulla vita.

Vengo dalla terra di Gramsci.
Proprio lui ci ha insegnato che la lotta
può somigliare alla felicità
e l’incertezza rivoluzionaria
ci nutre i dubbi dell’intelligenza.

Oggi
è coperta di sale questa terra
dove anche gli operai
si son fatti traditi e traditori.

Quaggiù, nell’assenza dei poeti
resto, sospinto da inverse traiettorie.
Un poeta bastardo, o con la schiena rotta,
non si riscalda al loro conformismo.
Resto: sebbene quel pensiero ti abbia ucciso
uccidendoti ancora.

Nel tribunale
col crocefisso della legge al muro
lo chiameranno equivoco, il futuro.

Bologna, 19 ottobre 2012

risposta del giorno dopo ai discorsi del giorno dopo

Eh, no… signora Cancellieri! Non sono parole in libertà! Quelli sono fascisti. Come la grandissima maggioranza degli appartenenti alle forze dell’ordine, di qualsiasi tipo, genere, ordine e grado. Fascisti veri e molto pericolosi, che, vigliaccamente tutelati da una divisa, agiscono con la mentalità da ultrà, da banda organizzata, da cosca, da squadraccia. E lo sono perché così sono stati selezionati, arruolati, addestrati da 65 anni a questa parte. Lo sono perché sono abituati all’impunità dell’arroganza, della prevaricazione, della violenza. Lo sono perché calpestano le leggi, ignorano la costituzione, stanno per definizione dalla parte dei padroni e mai degli umili. Potrei portarle centinaia di testimonianze personali che mi inducono a pensare così. Lei li copre, minimizza, li protegge. Come da sempre ha fatto il Potere in questa Italia così reazionaria. Se sono così è perché li avete voluti così.

E se qualcuno tra loro non fosse così… bene, sia il benvenuto, onore e rispetto a loro ed al  prezioso lavoro che svolgono onestamente. Spero sinceramente che diventino sempre di più e caratterizzino diversamente il loro servizio. Hanno la mia solidarietà. Questo discorso non è rivolto a loro, dunque non devo nemmeno delle scuse. Ma lei, per favore, spinta dal suo entusiasmo istituzionale, non venga a raccontarci fole insostenibili … non è credibile.

e per non dimenticare…

ANNUNCIATO UN PAPA TECNICO

il criptopapa se ne va

ma si ripresenterà tra due anni fresco di lifting e con un nuovo fidanzato

promettendo il paradiso in terra ed accusando il successore di incapacità

Scuola Diaz, Federico Aldrovandi, Stefano Cucchi, Giorgiana Masi, Carlo Giuliani, Francesco Lorusso… tanti, e tanti altri ancora sono i nomi di giovani investiti dalla “giustizia”, a volte perfino uccisi, e poi sempre insultati dalle menzogne del potere. Ed ogni volta ci siamo posti queste domande sugli esecutori di questo potere: “Chi li sceglie? Chi li arruola? Chi li istruisce? Chi dice loro che tutto è permesso? Chi li comanda? Chi li autorizza? Chi da loro l’impunità? Conoscono la Costituzione?…”

Dopo la recente manifestazione nazionale degli studenti abbiamo visto ancora una volta come questa odiosa arroganza, violenta e omicida, fascista nel profondo (e non lo affermo come forma di insulto, ma come ulteriore presa di consapevolezza della realtà) abbia sempre dallo Stato ferme coperture e giustificazioni, autorizzazioni e ispirazione. Da tempo sostengo che non viviamo in un sistema democratico – nel quale Demos, il popolo, possa sentirsi rappresentato – ma in un sistema repressivo e distopico in cui ogni diritto viene progressivamente ed inesorabilmente svuotato secondo una strategia precisa, già da molto tempo definita negli schemi della P2. Faccio di ogni erba un fascio? Mescolo politici e golpisti, finanzieri e mafie, sporchi interessi economici e rappresentanti della Repubblica? No, per niente, no… non sono un qualunquista, so distinguere le diverse tensioni negli individui e le differenti gradazioni del potere. Ma non si dica che all’ombra dell’alto senso delle Istituzioni di questo Paese non siano celate trame oscure, connivenze, progetti infami…
Le stragi italiane impunite comunicano certezza di impunità dai vertici alla base di questo Stato che non ha mai saputo rimuovere il fascismo dai propri gangli, anzi, lo ha sempre usato per i lavoretti sporchi.
La Polizia italiana, fin dalla sua formazione e tranne pochi casi isolati, generalmente è finora stata arrogante, grezza, violenta. Chi difende le leggi è una banda di senza-legge, un corpo separato dal popolo al cui servizio dovrebbe stare. Ma così è stata voluta e strutturata fin dal dopoguerra. E non ha mai abbandonato il modello ereditato dalle squadracce precedenti. I morti di Portella della Ginestra, Reggio Emilia, Avola, Battipaglia… La vigliaccheria è il parametro, la menzogna il sistema. Finché così sarà chi li arruola, li educa, li protegge. Ne sono stato tante volte testimone oculare: questo ho visto e racconto. E se non lo facessi mi sentirei a mia volta travolto e inserito nella spirale di vigliacca connivenza che è segno distintivo delle nostre Istituzioni, di quelle forme democratiche nelle quali ci chiedono di credere, di avere fiducia.

Detto ciò, ora sarebbe sano e indicativo di speranza che il guardasigilli Severino trovasse i colpevoli per  punirli adeguatamente, o, in alternativa, si dimettesse, dato che dal suo ministero stati sparati quei lacrimogeni. Troverei altrettanto serio ed utile che il Ministro Cancellieri smettesse di avallare ipotesi assurde ed evidentemente sfacciate come quella del Questore di Roma.
O pensa che ci crediamo davvero? Che tacciamo?

Non ho ancora spento il cervello e mi auguro di non farlo fino al giorno in cui mi dissolverò nella grande nebbia eterna della morte. Credo che questa tensione sia, nella miseria della mia piccola persona, ultimo baluardo dell’idea di un mondo differente in cui domini la giustizia sociale. E che, insieme a tutti coloro che la trasportano anche più degnamente di me, sia un vero patrimonio dell’Umanità: coincidere con il proprio essere umani senza vergogna è la resistenza di cui siamo dotati.
Conservo ad oltranza uno sguardo pacifico sul mondo. Dunque, credendo possibile il riscatto etico e spirituale di ogni individuo, chiedo gentilmente a Voi, che ricoprite incarichi istituzionali, di imboccare quel percorso di giustizia che comincia proprio col provare vergogna.

tutti i video e le immagini sono stati pubblicati da La Repubblica

i lacrimogeni

le incredibili dichiarazioni del Questore di Roma

le gentilezze dei poliziotti

ps: prima delle manifestazioni dell’altro giorno, il 26 ottobre 2012, avevo scritto un testo poetico sovrapponendo due poesie di Pier Paolo Pasolini per continuare il dialogo intrapreso quando riscrissi le Ceneri di Gramsci – si tratta della Ballata delle Madri e di Il Pci ai giovani!! – Non voglio invadere questo spazio, ma lo spedirò in formato PDF a chiunque me ne farà gentilmente richiesta per mail.

– – – – – – – – – – – – –

ECCO COSA SUCCEDE ALCUNE ORE DOPO LA MANIFESTAZIONE:

Pestaggio dopo gli scontri fra polizia e manifestanti di mercoledì scorso sul Lungotevere. Uno dei ragazzi è riuscito a videoregistrare parte del parapiglia mentre lo stavano picchiando: “Nel quartiere ebraico non ci dovete entrare. Potete andare a fare casino per tutta Roma, ma se entrate qui dentro siete morti”. E giù botte. La ricostruzione dei ragazzi: “Sembravano agenti in borghese, ma alcuni avevano la kippah”.

vedi qui il video
e leggi l’articolo su Il Fatto quotidiano

Ministro Cancellieri, dunque? Volendo, non dovrebbe essere difficile individuarli e sbatterli fuori dalla polizia… ma forse le sue sono solo chiacchiere… sa che i criminali di Genova sono ancora in servizio…?

– – – – – – – – – – – – –  22 novembre  – – – – – – – – – – – – –

Ecco la risposta del ministro Cancellieri: piena approvazione dell’operato del Viminale, fare quadrato intorno alle scelte del Governo, applicare misure ancora più dure per chi manifesta – non una sola parola sulle violenze della polizia – sentitela…

Alberto Masala
GEOMETRIE DI LIBERTA’ – terza scrittura
Il Maestrale – Grandi_Tascabili   € 12.00 – 159 pp.

Dialoghi con:
Alessandro Giammei e Marzia D’Amico (2012),
Antonio Barocci (2002), Luca Panzavolta (1992)

Prefazione di Roberto Barbanti
Immagine di copertina: Fabiola Ledda

 

Dire che l’arte è morta non significa niente: l’arte muore nel momento in cui muore il bisogno di liberazione

 

libreria Fahreneit 451 – Campo dè Fiori 44 – ROMA

Venerdì 9 novembre 2012 alle 18,30

Andrea Pomella dialoga con Alberto Masala

 

in vista dell’incontro, linko qui una bella recensione di Andrea Pomella sulla terza pagina de “il Fatto Quotidiano”

 

Alberto Masala – Sardo, vive a Bologna. Poeta e traduttore, agisce in contesto internazionale. Da anni sperimenta in concerto. Nella scrittura usa diverse lingue. Pubblica in Italia, USA, Francia. È in raccolte e antologie di 10 paesi del mondo. Ha tradotto Jack Kerouac, Judith Malina, Lawrence Ferlinghetti, Serge Pey, Peppinu Mereu. Ha diretto progetti d’arte in Europa (Berlino, Amsterdam, Salonicco, Bologna, Asuni). Nel suo percorso anche performance, teatro, cinema, radio.

Andrea Pomella – nato a Roma. Scrive su IlFattoQuotidiano.it e qualche volta sulle pagine culturali dell’Unione Sarda. Ha pubblicato monografie su Caravaggio e su Van Gogh, il romanzo breve Il soldato bianco (Aracne, 2008) e il saggio sulla povertà 10 modi per imparare a essere poveri ma felici (Laurana, 2012). Il prossimo libro uscirà all’inizio del 2013, si intitola La misura del danno (Fernandel), è un romanzo.

(video da Repubblica.it)

Sono circa 40 i minatori uccisi dalla polizia in Sudafrica.

Notizia secondaria sui giornali italiani, data con una tranquillità ed una freddezza agghiaccianti. La mentalità neo-liberista ha annichilito ogni capacità reattiva delle coscienze occidentali. Dove siete? Di cosa vi state occupando oggi? Cosa rompe la vostra sporca tranquillità?

Questa è anche la prova tangibile che la polizia, in tutto il mondo, sta sempre dalla parte dei padroni – e che i padroni, a lasciarli fare, rivelano facilmente il loro lato sanguinario.

Sono troppo lontani perché ce ne occupiamo?

Come si fa a boicottare la LONMIN, la compagnia INGLESE che sfrutta quei lavoratori e che ha a disposizione la polizia ASSASSINA del governo sudafricano? Bisognerebbe agire sulla Gran Bretagna, il paese delle Olimpiadi felici… che grondano sangue.

Il colonialismo in Sudafrica non era finito? Non era questo il paese di Mandela, di Tutu…? The Rainbow Nation è un regime fascista che protegge gli interessi delle compagnie occidentali sterminando chi si oppone. Sarebbe ora di sottoporli ad una moratoria internazionale ed alla sorveglianza da parte dell’ONU.

Questa è una delle più grandi stragi sul lavoro degli ultimi due secoli. Perché i lavoratori italiani non sono già in sciopero?

BOYCOTT GREAT BRITAIN TO THE UTMOST

Io sono in lutto. Dunque siete pregati di non invadermi la bacheca con sciocchezze…

(video da Al Jazeera English)

 

un commento di Raphael d’Abdon:
Personalmente ho sempre considerato il “Nuovo (???) Sudafrica” un regime fascista, abilmente imbellettato ed incipriato dai media, e celato dietro la sottile maschera della “Rainbow Nation”. L’ho sempre detto e scritto pubblicamente, e in più di un’occasione ho pagato le conseguenze per queste mie posizioni politicamente “poco corrette”. Mi duole constatare che, purtroppo, non stavo parlando a vanvera.
Da oggi in poi chi utilizzerà il termine “democrazia” associato a “Sudafrica” dovrà assumersi la responsabilità politica e morale delle proprie azioni.
Un giorno tristissimo per questo splendido Paese e per il suo martoriato popolo: la mia unica speranza è che questa carneficina “democratica” serva perlomeno ad aprire gli occhi di chi ancora si ostina a non vedere (o far finta di non vedere) ciò che è, da anni, sotto gli occhi di tutti, e che contribuisca finalmente a spostare il dibattito internazionale su questo Paese verso orizzonti di critica più adeguati di quelli attuali. Se mai è esistita una “Rainbow Nation”, oggi abbiamo assistito al suo funerale.
Un triste abbraccio a tutti,
r.

“Le dichiarazioni del ministro delle risorse stamattina erano, ovviamente, agghiaccianti. Assolveva la polizia e accusava i manifestanti (che guadagnano 400 euro al mese) di aver trasgredito la legge e non aver rispettato la prassi sindacale. Ricordo che in Sudafrica il sindacato più potente, il Cosatu, è una delle tre “gambe” dell’ANC (la cooptazione dei sindacati è un’altra caratteristica tipica degli stati fascisti)”.

17 agosto – Donne protestano per la morte dei 34 minatori uccisi dalla polizia in Sudafrica. (Foto: Siphiwe Sibeko)

Comunicato delle mogli, sorelle e figlie dei minatori: “We have joined our husbands in their bid to earn a living wage. We cannot take this thing anymore. We are joining them in their fight; we are the ones who suffer at home because of the peanuts that our husbands earn.”

Traduco: “Siamo insieme ai nostri uomini nel loro tentativo di guadagnarsi un salario di sussistenza. Non possiamo accettare più questa cosa. Li stiamo sostenendo nella loro lotta; noi siamo quelle che da casa soffrono a causa delle noccioline (il salario da fame) con cui vengono retribuiti i nostri mariti”.

————————————————————————–

RICEVO UNA POESIA DA RAPHAEL D’ABDON

————————————————————————–

walking to school

in marikana
i have seen black children staring
at their fathers’ lifeless bodies
on their way to school.
stale blood clots under their
perfectly polished shoes.
at school
all the teachers were in their place.
cosatu did not call no general strike.
what for?
the english teacher was crying.
the math teacher was drunk, as usual.
the history teacher spoke about the new constitution.
the geography teacher spoke about the richness
of south africa’s soil.
in the nymex
the platinum futures shot up
to unprecedented levels,
still
most kids at lunch break
had no food in their scaff tin.
with empty stomachs
they all sang nkosi sikelel’,
then went back home.
their fathers’ corpses were still there.
just a little colder.

19 august 2012

andando a scuola

a Marikana*
ho visto bambini neri fermarsi a fissare
i corpi senza vita dei loro padri
sulla strada della scuola.grumi di sangue stantio sotto
le loro scarpe perfettamente lucidate.

a scuola
tutti gli insegnanti erano al loro posto.
il COSATU* non aveva indetto alcuno sciopero generale.
e per cosa?

l’insegnante di inglese piangeva.
quello di matematica era ubriaco, come sempre.
quello di storia parlò della nuova costituzione.
l’insegnante di geografia della ricchezza
del suolo sudafricano.

al Nymex*
le quotazioni del platino schizzavano
a livelli senza precedenti,
ma
la maggior parte dei bambini alla pausa del pranzo
non aveva cibo nei cestini.

a stomaco vuoto
tutti insieme hanno cantato Nkosi Sikelel’,*
e poi sono tornati a casa.

i corpi dei loro padri erano ancora lì.
solo un po’ più freddi.

 

19 agosto 2012
(trad. Alberto Masala)

 

*Marikana – luogo della miniera e della strage
*COSATU – centrale governativa dei sindacati
*Nymex – la borsa dei metalli preziosi
*Nkosi Sikelel’ – inno nazionale sudafricano

 

Dopo il successo dello scorso anno con l’opera Jazz Mercy, Mercy, Mercy… a continuum for Jaco Pastorius, ci vediamo anche nell’edizione del Santannarresi Jazz festival 2012 con A boghe’oghe, un’altra produzione originale, fra rap e poesia.

 

Alberto Masala questa volta insieme a  StranoS ElementoS (rap)  Riccardo Pittau (tromba)  Sandro Rocchigiani (Dj Dras)

 

A boghe’oghe (di voce in voce) indica la tecnica con cui i cantadores di Sardegna si lanciano l’un l’altro la voce nel canto poetico della tradizione orale di piazza.

 

Tre rappers, gli  StranosElementos (RD. Okio, Zianu) ed un poeta (Alberto Masala), sostenuti dall’intervento di DJ Dras (Sandro Rocchigiani) e dall’improvvisazione della tromba di Riccardo Pittau, ripropongono in maniera inedita la relazione con la poesia orale, in un passaggio dalla memoria secolare sarda e mediterranea alla contemporaneità dello spoken word con forti contenuti sociali. Dal testo all’improvvisazione per mostrare l’integrità di un percorso che nella cultura sarda non si è mai spezzato.


Sergio Secci ed io per un anno dividemmo lo stesso appartamento in via Miramonte 15 a Bologna.

Impossibile non andarci d’accordo e non volergli bene: dolce, cortese, intelligente, generoso, pronto al sorriso.
L’avevo perso di vista perché, prima che lui si laureasse, ero andato a stare per quasi due anni a Venezia.

La mattina del 2 agosto 1980 ero in via della Ghisiliera 10, a poca distanza in linea d’aria dalla stazione, a lavorare per il gruppo teatrale di cui facevo parte.

Alle 10,25 ero nelle cantine e non sentii l’esplosione. Ma cominciai a sentire insistentemente un suono ossessivo e ininterrotto di sirene. La via è sul percorso tra l’ospedale Maggiore e la stazione. Salii in strada, presi la moto e decisi di seguire le ambulanze per capire. Impossibile descrivere quello che vidi. Non si respirava. Caricavano i primi feriti sul pavimento dell’autobus. Parlavano delle condutture del gas. Tornai in laboratorio, presi il furgone della compagnia e lo misi a disposizione. Mi pareva l’unica cosa concreta da fare per non intralciare i soccorsi.

Due libri… ora mi sono rimasti solo due libri di quell’appartamento in via Miramonte dove abitavamo in tre, e dove, ogni mattina, Pai Tsun I, lo studente cinese di cinema, con la sua gentilezza orientale, tentava di offrirci per la colazione una orribile tazza di blodo con ancora le piumette della gallina che riemergevano…
– “Vuoi blodo?” – “No, grazie, Sergio ed io prendiamo il caffè…” così ogni mattina…

Quando corsi col furgone verso la stazione, non immaginavo che, qualche settimana più tardi, avrei letto su Linus un piccolo articolo che parlava di Sergio Secci… all’ospedale Maggiore… con gravissime ustioni in tutto il corpo… Non è possibile… Sergio… altra corsa al Maggiore… “Secci?… è già morto… da circa un mese… mi dispiace…

Conservo i due libri che gli dovevo restituire.

2 agosto1980 – ore 10,25

stazione di Bologna

sala d’aspetto di seconda classe

23 kg di esplosivo

85 morti

200 feriti

lo Stato italiano non ha ancora dato spiegazioni

 

verso una memoria condivisa: le testimonianze

http://www.teatridivita.it/cuoredigrecia/wp-content/uploads/2012/05/lettere-400x200.jpg
la rassegna estiva dei Teatri di Vita quest’anno ha il titolo: Cuore di Grecia

Lettere dal fronte interno

Fra le altre iniziative nel programma, una personalità della società civile greca scriverà una lettera ad un omologo italiano. Ogni sera, durante il festival, questo “omologo italiano” leggerà la lettera: il sindaco, l’architetto, il pensionato, l’economista, lo studente, il giornalista, il ricercatore, il poeta…

Io riceverò una lettera da Tsalapatis, poeta greco, e, il 26 luglio alle 21, la leggerò in pubblico e gli risponderò.

Cuore di Grecia, al Parco del Triumvirato di Bologna

e grazie a Loredana Lipperini ecco qui il testo completo della lettera

 

ECCOLO FINALMENTE A BOLOGNA!

lunedì 28 maggio alle 20 al cinema Lumière

dopo la proiezione, l’incontro col regista Enrico Pitzianti

qui la recensione su Repubblica

ROBA DA MATTI

il nuovo film di ENRICO PITZIANTI

prodotto da Eia film

 

Roba da matti racconta la storia di Casamatta, una residenza socio assistenziale a Quartu Sant’Elena in cui vivono otto persone con disagio mentale. Col sostegno costante degli operatori si vive una vita normale in una casa speciale. Una struttura considerata all’avanguardia nel panorama italiano e mondiale, un luogo dove le persone con sofferenza mentale possono aspirare a ricostruirsi una vita. Purtroppo la casa, dopo 17 anni di attività, rischia di chiudere. L’associazione che la gestisce non riesce più a far fronte alle spese, il contratto d’affitto è in scadenza e il proprietario non intende rinnovarlo. È un momento molto difficile, ma Gisella, presidente dell’associazione Asarp Casamatta e sorella di una delle ospiti, è una donna tenace. Sostenuta dagli altri familiari, affronta le difficoltà ed è fermamente decisa a trovare una soluzione.

 

ROMA     – dal 20 al 26 aprile: “Film Studio” (regolare programmazione)

– dal 28 aprile al 6 maggio: “KINO” (regolare programmazione)

MILANO – dal 20 al 26 aprile: Cinema “Palestrina” (regolare programmazione)

GENOVA – dal 20 al 26 aprile: Cinema “Eden” (regolare programmazione)

CAGLIARI – dal 20 al 26 aprile: “Cineworld” (regolare programmazione)

OLMEDO (SS) – 27 aprile – ore 20:00: Auditorium comunale (col regista Enrico Pitzianti)

BOLOGNA – 28 maggio – ore 20:00: Cinema Lumiére (col regista Enrico Pitzianti)

MESAGNE (BR) – 13 maggio – ore 18:30. Auditorium comunale (col regista Enrico Pitzianti)

TRIESTE – giovedì 21 giugno – ore 20:30. Cinema Ariston (col regista Enrico Pitzianti)

 

Info – Programmazione – Trailer

Facebook