30. gennaio 2007 · Commenti disabilitati su La signora della memoria · Categorie:blog news, di poesia · Tag:, , ,

giovedì 1 febbraio – ore 20.30
nella Biblioteca Comunale E. De Amicis
Piazza Giovanni XXIII, 2 – Anzola dell’Emilia

presento una lettura di Carmen Yanez

Come nel mandato machadiano, Carmen Yáñez ha fatto poesia lungo la strada. Un percorso esistenziale che comincia nel 1975, quando scompare nelle mani della polizia politica di Pinochet. Scampata all’inferno di Villa Grimaldi (la casa segreta della sinistra DINA), rimane nella clandestinità finché nel 1981, via Argentina e sotto la protezione dell’ONU, prende la via dell’esilio diretta in Svezia dove vive fino al 1997. In Svezia inizia a pubblicare la sua poesia. Nel 1982 esce la raccolta Cantos del camino e negli anni successivi su riviste svedesi e tedesche. Dal 1990 comincia a essere pubblicata anche in Cile. Durante la sua permanenza in Svezia, partecipa alla creazione di vari laboratori letterari. Più della nostalgia, l’elemento che contraddistingue la sua produzione di questi anni è la palpabile presenza di una geografia nuova. La luce e la sua mancanza. Gli inverni bianchi e gli inverni verdi. Il freddo e il ricordo del caldo. Donna del Sud nel Nord, Carmen Yáñez trova nella lingua che ha portato con sé dal Cile il suo estremo rifugio. Nel 1997 ritrova il suo primo amore, dopo venti anni e ventimila chilometri di distanza dal luogo in cui si erano visti l’ultima volta. Dal Cile alla Germania, dove si rincontrano e decidono di tornare a vivere insieme sulla costa asturiana, a Gijón. Il marito, il celebre scrittore Luis Sepùlveda, ha detto di lei che scolpisce poesie con la pazienza di un’orafa.

bibliografia

Pubblica il suo primo libro in Spagna (1998) con l’Ateneo Obrero di Gijón, Colección Deva, “Paisaje de Luna Fría”, tradotto in italiano e pubblicato da Guanda nel 1998.
Sempre per Guanda, nel 2001 pubblica “Abitata dalla memoria” e nel 2006 “Tierra de Manzanas”, per la collana Fenice Contemporanea. “ Nello stesso anno 2006 in Spagna, esce Alas del viento” (ed. Elogio del Horizonte) tradotto in Francia dall’Atelier de traduction D’espagnol presso La Maison des poètes et des Écrivains di Saint Malo.
Premio di poesia “Nicolás Guillén” 2002. Fa parte del comitato di redazione della rivista del Salón del Libro Iberoamericano di Gijón, Asturias, in Spagna.

rassegna Fili di parole, II edizione, promosso dalla Zona bibliotecaria
Associazione intercomunale Terre d’acqua
Ingresso libero

Per informazioni – Servizio cultura – 051 65 02 157/158

Commenti chiusi.