Finita di improvvisare alle 14,07 in risposta (affettuosa) a Nanni Falconi su Corona de Logu. E’ scritta in logudorese di Pattada, lingua di Nanni, in endecasillabi per essere cantata “a tenore”, e se qualcuno tenta di normalizzarla nde li sego sas francas a mossu (gli stacco le mani con un morso).

qui sotto il testo

 

La torramus a iscrier sa limba sarda
chin maigàntas peraulas noàles?
Barrìadu nos amus chentu males
chi siccana sa zente che pilarda.
Su chi fit muntonalzu o’est nucleare
e-i s’alga cheret battijada iscòria,
cun sas bases nos an’ fattu s’istoria
de custa terra e finas de su mare.
S’innanti su perigulu fit runza
como est tumore, com’est leucemía,
falat s’irrustragliada a chie si sìat…
Bessída nos el vona cust’incunza!
Non chilchedas a chie ch’ettare gulpa:
cust’est su jogu, chi siat feu o bellu.
Semus da-e sempre che pett’e masellu
ma non b’at pius ite nd‘ogare pulpa.
E crétas sa Sardigna iscalmentada?
Macché! “Sos males no’ los mandhat Deus…”
Mancari chi l’iscudan’ mal’e peus
parat sa barra pro s’istuturrada.
Sardigna pesa, ischída Sardigna,
move como, e ponebi s’afficcu
lassa sa cotilèsa a su burriccu
e mústra chi ses zente balu digna.
alberto masala, 6/7/09

 

ed ecco la traduzione italiana:
Vogliamo riscriverla la lingua sarda/ con tante parole nuove?/ Ci siamo messi in spalla cento mali/ che seccano la gente come si seccano i pomodori o la frutta.
Ciò che era immondezzaio oggi è nucleare/ e la spazzatura bisogna ribattezzarla scoria, / con le basi hanno scritto la storia/ di questa terra e perfino del mare.
Se prima il pericolo era rogna/ oggi è tumore, oggi è leucemia,/ la falce può scendere su chiunque …/ Abbiamo fatto proprio un bel raccolto!
Non cercate su chi gettare colpe:/ è questo il gioco, brutto o bello./ Siamo da sempre carne da macello/ ma non c’è più polpa da cavare.
E crederesti che la Sardegna sia scottata?/ Macché! “I mali ce li manda Dio…”/ Anche se la bastoni malamente/ offre la guancia per il ceffone.
Sardegna sollevati, svegliati Sardegna,/ muoviti subito, e usa il cervello/ lascia l’ottusità all’asinello/ e mostra che sei un popolo che ha ancora dignità.
scritto per

7 commenti

  1. AlessandroGiammei

    >E’uscito. Domani lo avrò in mano. La copertina è bellissima. Quando passi da Roma, ti presento appeso a testa in giù alla colonna di Traiano.

    Alessandro.

  2. >ciau albè tottu bene?
    so intendende sa registrazione e appo leggidu s’iscrittu………….
    ottimu…
    vabbè chi è su minimu chi ti potto narre caru Maestru 🙂
    pro su restu ti mando unu saludu cun coro…
    saluda a tottus e a nos mezzu bidere
    zianu

  3. >grazie pa chista bedda poesia.

  4. >Parole sante…ho comprato il CD Sabato a Bologna, dopo aver ascoltato le loro canzoni.

  5. Alberto Masala

    >mi fa piacere quello che dite…ma perché anonimi?
    grazie comunque e un abbraccio

  6. >Parole sante…ho comprato il CD Sabato a Bologna, dopo aver ascoltato le loro canzoni.

    Domenico Barletta

  7. Alberto Masala

    >Grazie Domenico…

Rispondi a AlessandroGiammei Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.